icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
In Svizzera il tragitto casa-ufficio è considerato orario di lavoro

In Svizzera è entrata in vigore una legge utile a tutti i lavoratori pendolari

Dopo i primi esperimenti e le proposte di legge di alcuni paesi per ridurre i giorni di lavoro alla settimana, ora c’è una novità riguardante tutti i pendolari. In Svizzera il tempo impiegato per raggiungere l'ufficio può essere conteggiato all’interno del proprio orario lavorativo.

La modifica è entrata in vigore dal primo gennaio di quest’anno e permette ai lavoratori di sfruttare al meglio il tempo in viaggio, riducendo così quello passato alla scrivania. Certo, è necessaria l’approvazione del proprio supervisore che dipende da diverse condizioni, tra cui la durata del viaggio e il tipo di mezzo scelto (principalmente autobus e treni). In più va dimostrato che durante il viaggio si svolgano delle mansioni specifiche, come rispondere al telefono, controllare la posta o rimanere in contatto con gli altri colleghi tramite applicazioni come WhatsApp o Telegram.

Secondo il referente dell’Ufficio federale del personale, Anand Jagtap, questa nuova direttiva sfrutterà le nuove possibilità offerte dalla tecnologia, migliorando la comunicazione tra i dipendenti e permettendogli di gestire al meglio il loro tempo.


Foto: PxHere

Pubblicato 08.01.2020

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Viral News

Perché bere un cucchiaio di olio di oliva al mattino fa bene

rds_community_login

Viral News

"Come spiego alla mia gatta che ci siamo lasciati?" La domanda diventa virale su Twitter

rds_community_login

Viral News

L’onda gigante colpisce il treno che viaggia sulla costa: un video incredibile

rds_community_login

Viral News

"Tartarughe in viaggio": ecco il bellissimo corto di Greenpeace con Giorgia

rds_community_login

Viral News

Arriva lo stadio del Manchester United in versione Lego: ecco le foto

rds_community_login

Viral News

Ora i 37° possono essere considerati febbre: lo dice l'Università di Stanford

rolling
×